martedì 6 aprile 2021

Audio-video del Seminario "Dopo le crisi. Un dialogo interdisciplinare sul futuro dell'Europa"

 

Registrazione audio-video del Seminario "Dopo le crisi. Un dialogo interdisciplinare sul futuro dell'Europa", 21-22 gennaio 2021 online

Relazioni di Sergio Cesaratto, Omar Chessa, Carlo Clericetti, Guido Comparato, Marco Dani, Andrea Guazzarotti, Federico Losurdo, Luigi Testa, Luigi Melica, Edmondo Mostacci, Francesco Saitto, Fiammetta Salmoni, Alessandro Somma, Antonella Stirati.
 

New Working Paper: Keynes’s finance, the monetary and demand-led circuits: a Sraffian assessment

 

Keynes’s finance, the monetary and demand-led circuits: a Sraffian assessment

Working Paper n.851 - Marzo 2021

Sergio Cesaratto DEPS, USiena

Riccardo Pariboni DEPS, USiena

Abstract

This paper aims to stimulate the convergence of the Sraffian approach to demand-led growth theory with insights from monetary circuit theory and stock-flow models. The first Sraffian contribution to this convergence we identify is the extension of Garegnani’s interpretation of Keynes’ General Theory’s originality and limitations to Keynes’ 1937 papers on “finance.” In both cases, it is a question of freeing Keynes from the ties of marginalist theory. After discussing some troubles of the monetary circuit, we identify a complementarity between the Keynesian concept of finance, some insights of the monetary circuit, and the role attributed by the Sraffian take of demand-led growth to the autonomous components of demand (which are also Kalecki’s external markets). This seems to us to be the second Sraffian contribution to this convergence towards a monetary theory of demand-led growth.

Keywords

Keynes, Finance, Monetary Circuit, Effective Demand, Supermultiplier

Jel Codes

B26, E12, E43, E50

domenica 4 aprile 2021

Karlsruhe in English

 

 New Brave Europe ha pubblicato una traduzione dell'intervista al Sussidiario.

Sergio Cesaratto – Eurobond: Italy’s move to avoid austerity and debt restructuring

Without Eurobonds, Italy risks a debt restructuring accompanied by austerity. The currently planned Recovery Fund is not enough to solve the EU’s problems

Sergio Cesaratto is Professor of Growth and Development Economics and of Monetary and Fiscal Policies in the European Monetary Union, University of Siena. His newest book,Heterodox Challenges in Economics – Theoretical Issues and the Crisis of the Eurozone” was recently published by Springer Read our review here

Interview by Lorenzo Torrisi

The original Italian version at Il Sussidiario can be read here

mariodraghi 14 lapresse1280 640x300

Brussels does not seem to be concerned about the stop to the ratification of the Recovery Fund that came from the German Constitutional Court at the end of last week. “We are convinced that the recovery plan will be launched as planned and our goal remains to complete the ratification process by the end of the second quarter of this year,” an EU spokesman said. Almost at the same time as the Karlsruhe judges pronounced their decision, Mario Draghi relaunched Eurobonds at the last European Council. “I know it’s a long road, but we have to get started. It’s a long-term goal, but it’s important to have a political commitment,” said Draghi, who added: “We have to design a framework for fiscal policy that is able to lead us out of the crisis”. Just a coincidence? “Probably not entirely – is the opinion of Sergio Cesaratto, Professor of European Monetary Policy at the University of Siena.

mercoledì 31 marzo 2021

Ancora Karlsruhe

 Intervista su Il sussidiario.net

Bruxelles non sembra preoccupata dello stop alla ratifica del Recovery fund arrivato dalla Corte Costituzionale tedesca alla fine della scorsa settimana. “Siamo convinti che il piano di ripresa sarà lanciato come previsto e il nostro obiettivo resta di completare il processo di ratifica da qui alla fine del secondo trimestre di quest’anno”, ha detto un portavoce dell’Ue. Quasi contemporaneamente al pronunciamento dei giudici di Karlsruhe, nel corso dell’ultimo Consiglio europeo, Mario Draghi ha rilanciato gli eurobond. Solo una coincidenza? «Probabilmente non del tutto – è il parere di Sergio Cesaratto, Professore di Politica monetaria europea all’Università di Siena -. La Corte di Karlsruhe ha per ora sospeso la ratifica del Presidente della Repubblica tedesco.

mercoledì 17 marzo 2021

Intervista su Sraffa, la politica economica, e l'eurozona

Una serie di approfondimenti video sugli insegnamenti di Piero Sraffa, in occasione dei 60 anni dalla pubblicazione del suo libro "Produzione di merci a mezzo di merci"

 Bella iniziativa di Kritica economica

Da vedere anche le altre puntate.

Sraffa e la politica economica, con uno sguardo all’Eurozona - #Sraffa60. Puntata 10
https://www.facebook.com/watch/?v=125026486218615

Riccardo Orsi, dottorando in economia presso la Divisione Economica dell’Università di Leeds, ne parla con Sergio Cesaratto, Professore ordinario presso il Dipartimento di Economia Politica e Statistica dell’Università di Siena. 

 
In questa puntata valutiamo la rilevanza della della teoria di Sraffa per le questioni di politica economica, con riferimento all'attuale ordinamento Europeo.

Ci domandiamo quindi quali siano le implicazioni della teoria di Sraffa per le questioni di politica economica, come si colloca l'architettura istituzionale europea alla luce di esse, e se quest’ultima sia sostenibile nel tempo senza che vi siano sostanziali riforme strutturali.

 

ESC Live! - "Dentro la MMT"

 Dibattito sull'MMT con Thomas Fazi

https://www.facebook.com/ESCPalermo/videos/473235780366222

lunedì 8 marzo 2021

Sfide eterodosse

 La traduzione della recensione su Brave New Europe (vedi post precedente) ora su Insight. Grazie Mathew Rose e Antonio Lettieri.

Sfide eterodosse in economia di Sergio Cesaratto

Il libro fornisce gli strumenti necessari per comprendere l'attuale crisi in cui sono precipitate l'UE e l'Eurozona.

Non avrei mai pensato di descrivere un libro di economia come “una lettura deliziosa”, ma “Heterodox Challenges in Economics” di Sergio Cesaratto è esattamente questo. È ben scritto, spesso divertente, e l’analisi della politica economica viene poi applicata alle difficoltà economiche dell'UE e della zona euro. La passione per l'insegnamento di Cesaratto - è professore di Politica monetaria e fiscale europea presso l'Università di Siena - plasma la narrazione. Il libro è stato pubblicato nel 2020 e include l'inizio della crisi COVID, in altre parole è molto aggiornato.